DIRItalia è...

...un’associazione no profit che opera per dare la giusta visibilità e una corretta informazione su tutto ciò che riguarda il sistema DIR, dedicando anche il suo impegno a sostenere l’importanza dell’addestramento subacqueo e a far conoscere la GUE tra le comunità subacquee locali.

Affiliato GUE

 

 

 

Yax Chen, cave divers’ cave - il dopo PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Domenica 06 Settembre 2009 15:13
Indice
Yax Chen, cave divers’ cave
il dopo
Tutte le pagine

A fine progetto, mentre alcuni rientrano a casa, Tom ed io rimaniamo in Messico ancora cinque giorni e ci si gode la meritata vacanza dopo un’intensa settimana di fatiche :-)
Le immersioni a Nohoch Nah Chich (Il Grande Nido in lingua Maya) e a Grand Cenote sono impagabili e bellissime. Chris e Danny sono impegnati ad insegnare e quindi al mattino ci suggeriscono dei piani d’immersione in base alle nostre richieste: la ricetta ideale è bassa profondità per fare tempi più lunghi possibile e zone in cui si possa fare navigazione sulla sagola abbastanza complessa con jump, T e cambi di direzione delle frecce permanenti che indicano l’uscita. Niente di eclatante per chi fa immersioni abitualmente da queste parti ma per chi è abituato a fare immersioni in grotta in Europa è un altro mondo.
A Nohoch Nah Chich seguiamo delle sagole laterali che passano attraverso delle zone estremamente decorate e poco frequentate, seguiamo un percorso che in due immersioni ci fa fare un circuito mentre Lars e Sigurd, entrambi norvegesi, sulla sagola principale fanno un’immersione con lo scooter. Il giorno successivo tocca a me fare una scooterata assieme a Gianmario e Franco assieme ad un ragazzo cubano fino a Dinner Hole, solo sagola principale ma 6000 piedi di stalattiti e stalagmiti, decorazioni di ogni genere in 26 gradi d’acqua e 9 metri di profondità massima.
Grand Cenote, o meglio sistema Sak Aktun, è l’ultima immersione prima di rientrare in Italia, immersione fatta usando solo il bibombola... terminiamo l’immersione perché non abbiamo più marker e spool per marcare e collegare le sagole.
Mi ricordavo di questa grotta dalla prima volta che mi ci ero immerso e ha soddisfatto ancora una volta le mie aspettative: decorazioni, cambi di direzione, cenotes, strettoie... un susseguirsi di "paesaggi" differenti.
Poi alla fine siamo sulla spiaggia bianca, tutto è pronto e impacchettato per imbarcarci sull’aereo... ma solo dopo un ultimo margarita in riva al mare.



 
Joomla 1.5 Templates by JoomlaShine.com